Archive | Comunicazione pubblica RSS for this section

Innovare nella formazione

Se c’è un settore che ha bisogno di innovazione nei metodi e negli obiettivi è quello della formazione. A fronte di una domanda di conoscenza e di saperi sempre crescente, infatti, l’offerta  rimane povera di idee e ancorata a strumenti e linguaggi oramai obsleti. In questo contesto, interessante il corso di alta formazione proposto da Artea Studio che mira ad introdurre in questo settore iniziative di Edutainment.

Si legge nella presentazione: “L’edutainment rappresenta la nuova frontiera della formazione: combinare le esigenze e le tecniche di apprendimento in un sistema in cui divertimento, relax e intrattenimento rappresentano lo scenario del percorso formativo. L’obiettivo è accelerare la crescita professionale e personale degli individui e delle loro organizzazioni di riferimento, aggiungendo valore all’intrattenimento.”


Il futuro della rete

Cercando di restituire un po’ dell’enorme mole dei materiali prodotti nell’ambito dell’ultimo FORUM PA comincio con gli approfondimenti relativi a Il futuro della rete. Di seguito la presentazione dei risultati della prima ricerca.

Tra comunità virtuale e comunità territoriale, due casi concreti.

Il Formez ha organizzato per oggi un seminario interno con, come principale ospite, Etienne Wanger, colui che per primo ha utilizzato il termine di comunità di pratiche. Io, insieme ad altri due ospiti, ho avuto la possibilità di confrontarmi con la sua teoria e la sua esperienza. Nel caso specifico. la mia domanda principale rivolta a Wanger è stata: è possibile creare una comunità di pratiche o dobbiamo considerarlo come un processo necessariamente spontaneo?

Cittadini digitali

Presentata oggi a ForumPA la terza edizione dell’indagine I cittadini digitali realizzata dal Censis e da Forumpa con il contributo di SkyTV. L’indagine mette in risalto la forte crescita nei consumi tecnologici da parte della famiglie italiane ma anche il crescente rischio di divario digitale (il cosiddetto digital divide) tra coloro che usano queste tecnologie e chi, invece, per motivi prevalentemente professionali e generazionali ne è attualmente escluso.

Questa la mia presentazione: