#RivoluzionePA è possibile, e lo abbiamo dimostrato tutti insieme a #FPA14


Oltre i numeri di grande rilievo, oltre i comunicati e l’attenzione della stampa, sono le sensazioni quelle che hanno contraddistinto questa edizione della Manifestazione. Le sensazioni, diffuse e condivise, che cambiare si può ora e subito, che cambiare è utile perché una nuova PA diventa un fattore di sviluppo del paese e di miglioramento della qualità della vita. Che cambiare si deve, e si deve farlo tutti insieme.

Lo ha reso evidente, per prima, il ministro Madia dimostrandoci di saper ascoltare e che questo governo vuole andare avanti, veloce, ma lo vuole fare promuovendo la partecipazione e la collaborazione.

Lo hanno dimostrato le migliaia di persone che hanno lavorato insieme in convegni, tavoli, laboratori, quelli che ci hanno seguito tramite twitter o grazie allo streaming. Non c’era rassegnazione, non c’era disillusione o rabbia ma la consapevolezza che la differenza la facciamo se lavoriamo tutti insieme. Fino ad oggi, infatti, non sono mancate le idee, o i progetti e le soluzioni è mancata la capacità di fare squadra. E, finalmente, aver raggiunto questa consapevolezza ha liberato energia vitale, ha delineato un progetto condiviso da raggiungere tutti insieme.

In diverse occasioni, nell’ambito di #FPA14, ho citato una frase che il presidente Obama ha usato in un mesaggio alla nazione: “non possiamo affrontare il futuro con una pubblica amministrazione del passato”. Insieme, dobbiamo costruire la PA del futuro, capace di essere soggetto abilitante di inziative e proposte. Una PA espressione di uno stato che deve essere partner di cittadini e di imprese. Che deve dare spazio e supporto a nuove forme di cittadinanza attiva attraverso gli open data, attraverso le inziative di condivisione di beni e servizi, attraverso i metodi di co-design dei servizi.

In questo contesto, il processo da noi avviato con FoGG (Future of Government Group) ha trovato terreno fertile per nuove idee e proposte. In questi tre giorni abbiamo raccolto contributi e lavorato su un documento di lavoro che oggi sarà consegnato al governo tramite rivoluzione@governo.it. Abbiamo deciso di essere una delle oltre 23.000 voci che si sono già espresse per mail, sicuri, insieme a tutti gli altri, di essere ascoltati.

 – Il testo della proposta inviata al Ministro Madia dal gruppo Future of Government – FoGG.
– Il documento di scenario “Lo stato partner. Proposta per un’integrazione alla riforma della PA“, con il contributo del Future of Government – FoGG.

About Gianni Dominici

Direttore di FORUMPA
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: